RESPONSABILITÁ SOCIALE

ATS è impegnata a svolgere le proprie attività con particolare attenzione ai temi delle missioni umanitarie.
Questa apertura culturale ed umana infatti dà nuova energia a chi fa business e sostiene chi realizza progetti di sviluppo nel mondo.

Il nostro obiettivo è infondere un senso di responsabilità non solo aziendale ma sociale, per questo motivo siamo molto attenti a garantire un ambiente di lavoro eterogeneo, stimolante e inclusivo.

Vediamo la diversità come un punto di forza, capace di stimolare la crescita umana e professionale, la creatività e il confronto; per questo motivo abbiamo collaboratori da diverse parti del mondo (Argentina, Marrocco, Egitto, Macedonia, Cile, etc.) e sosteniamo le organizzazioni non profit in particolare nelle loro attività nei paesi più poveri

01

Missioni umanitarie

02

Ambiente

01

MISSIONI UMANITARIE

IL NOSTRI IMPEGNO CON AVSI AD HAITI

In collaborazione con AVSI, abbiamo sostenuto attivamente, mediante donazioni, il paese a seguito del terremoto.

AVSI si è subito attivata per prestare soccorso alla popolazione, attraverso una risposta ai bisogni delle persone strutturata in più fasi.
Durante la prima fase di urgenza-supporto agli sfollati sono state distribuite plastic sheets, kits igienici e kits di cucina alle famiglie e comunità sfollate.
Nella fase successiva l’intervento si è esteso ai settori dell’educazione (anche mediante la costruzione di strutture temporanee) e della protezione dell’infanzia.

La partecipazione regolare e costante dei bambini alle attività di gruppo ha avuto un impatto positivo sul loro benessere, ha favorito la resilienza e ridotto lo stress causato dal trauma del terremoto.
La creazione di spazi a misura di bambino (Espaces Amis des Enfants) e la realizzazione di attività di gruppo ha permesso ai bambini di riunirsi in un ambiente stimolante e stabile per essere al sicuro, imparare, esprimersi, fare amicizia e sentirsi sostenuti.
Queste attività hanno anche favorito la protezione, identificando i bambini vulnerabili o vittime di abuso, negligenza, sfruttamento o violenza e assegnando loro dei riferimenti appropriati. Le attività di gruppo hanno, infine, introdotto un senso di normalità anche nella situazione di emergenza.